05 novembre 2011

Le assurde dichiarazioni di Silvio Berlusconi al G20

Crisi? Quale crisi? In Italia si sta benissimo! Questo è quanto emerso dalle dichiarazioni di Silvio Berlusconi nella conferenza stampa al termine del G20.

"Se l'Italia oggi ha dei problemi è colpa di antichi pregiudizi, del cambio lira-euro... L'Italia è un paese benestante, i consumi non sono diminuiti: i ristoranti sono pieni, con fatica si riesce a prenotare dei posti negli aerei, posti di vacanza nei ponti iper prenotati".

La più bella è: "Non credo vi accorgiate, andando a vivere in Italia, che l'Italia senta qualche cosa che possa assomigliare ad una forte crisi".

Famiglie al lastrico, aziende che chiudono o non pagano stipendi, giovani che fuggono dal Paese... Crisi? Quale crisi?




4 commenti:

  1. questo buffone é vergognoso se si sta bene in Italia cosa devono dire i Tedeschi . francesi,Inglesi ,Svedesi ,Svizzeri,Danesi,Olandesi,U.S.A. Canadesi , Australiani ,se il nano andrebbe in Turchia anche la ci sono i ristoranti pieni ,anche in Libano, Israele ,e almeno altri 50 nazioni ci sono i ristoranti pieni , a NANÉ SVEGLIATI,troppe canne danno alla testa ,

    RispondiElimina
  2. Certo che stiamo bene, come l'amico suo capogruppo che và in giro con un'auto da mezzo milione di euro,come il La Russa che acquista un certo numero di maserati, come se fossero modellini,come i suoi parlamentari che lo scongiurano di non mollare perchè così, quando è ora cominceranno ad "acchiappare" dai duemila-tremila euro in su di pensione, pardon :vitalizio. Forse sono questi che frequentano i ristoranti pieni e le località di vacanze, tutto prenotato di cui parla, non certo chi "tenta" di sopravvivere con 1000-1500 euro al mese, che quando sarà ora di andare in pensione si trasformeranno in 800 euro massimo.

    RispondiElimina
  3. Ma si rende conto delle cavolate che dice ogni volta che apre bocca ????????

    RispondiElimina
  4. Sembra voglia pararsi il deretano. Credo che con questo tipo di dichiarazioni peggiori solo la sua posizione a livello internazionale.

    RispondiElimina