26 settembre 2011

Gianfranco Rotondi, professione Ministro all'attuazione del programma. Eh?


Gianfranco Rotondi non è soddisfatto del fatto che rappresenti (degnamente, per carità eh) il Ministero più inutile della storia (che significa essere Ministro all'attuazione del programma? E se lui è il Ministro all'attuazione del programma io posso nominare commissario speciale alla sorveglianza sulla sacra dieta la mia coinquilina?). Il buon Rotondi trova sempre un buon modo per aprire la bocca e rifuggire ogni dubbio sulla sua stupidità: ci è e ci fa pure, gli piace.
Qualcuno si ricorderà di quando quest'estate a far da contraltare ai Ministeri di Monza ha proposto il trasferimento ad Avellino di alcune sedi. Come stanno messi i Ministeri a Monza lo sappiamo: sono inutili e rigorosamente chiusi, il problema ora è spiegare alla Santanchè che non può aprire il Ministero dell'Aperitivo a Porto Rotondo.
E oggi apprendo dal sito de Il Messaggero che stavolta non s'è fatto sfuggire la possibilità di esternare il suo alto parere su quanto sta succedendo all'immagine di Silvio Berlusconi dichiarando: «Berlusconi, un santo puttaniere, ma passerà alla storia come uno statista». Apparte che di santi puttanieri io non ne conosco, che Berlusconi passerà alla storia ne sono sicuro ma propenderei di più per "quel puttaniere di statista" dovendo scegliere un epiteto.

2 commenti:

  1. Rotondi non vi e' nulla da dire basta guardare la sua faccia per capire il nulla

    RispondiElimina
  2. Il nulla all'attuazione del programma però. Così lo si fa contento.

    RispondiElimina